VANTAGGI PER LA SALUTE

E' ormai accertato, che il contatto delle bevande con l'imballo di plastica comporta un rischio per la salute.
 

Le materie plastiche ( anche la lattina e il cartone ne contengono ) sono rivestite da un film di vernice, di cellophane per intenderci e si sospetta rilascino alcune sostanze contaminanti; elementi chimici che le nostre cellule non riescono ad espellere in modo naturale.

L'elevata quantità di queste sostanze è tutt'altro che salutare.
Questo succede anche per l'acqua minerale, l'elemento più naturale che esiste e che dovremmo conservare nel modo più salubre possibile. La plastica non garantisce una simile conservazione, non è una sostanza stabilizzata quanto il vetro; l'inerzia chimica di cui si credeva fosse dotata, è stata messa recentemente in discussione. Per non parlare dei processi chimici che si innescano quando la plastica viene a contatto con un liquido zuccherato.

La bevanda zuccherata alcolica e non alcolica deve essere pastorizzata per ottenere la stabilità biologica del prodotto in modo da bloccare il processo di fermentazione.

Ma la sola pastorizzazione non è sufficiente quando la bevanda è contenuta in un imballo di plastica. Per ottenere una maggiore garanzia di neutralizzazione di tutti i microrganismi presenti e degli enzimi che potrebbero essere responsabili di modificazioni chimiche indesiderate, si sono trovati dei rimedi tutt'altro che naturali.
     

VANTAGGI PER L'AMBIENTE

Oltre ad essere sospette di provocare danni all'organismo umano, le materie plastiche rappresentano una delle voci di inquinamento più rilevanti.
 

Ogni anno in Italia si producono circa 30 milioni di tonnellate di rifiuti solidi urbani. I soli imballaggi si avviano a costituire quasi il 50% del totale dei rifiuti. Non gravati da alcun disincentivo economico a carico di produttori e consumatori, i contenitori usa e getta hanno invaso gli scaffali di supermercati e negozi ed aggravato il sistema di raccolta e smaltimento dei Comuni.

Abbiamo una profonda responsabilità verso il futuro.
E il futuro non dobbiamo pensarlo come un tempo astratto, generico, che deve ancora accadere. Il futuro esiste già. È il presente. Il futuro non sono solo i nostri figli, ma siamo noi, ora. Non possiamo continuare ad ignorare una situazione così preoccupante e lasciar in eredità un mondo sporco, inquinato, insalubre. Le istituzioni si sforzano di affrontare seriamente questo gravoso problema, ma stile di vita e precisi interessi commerciali, impediscono un corretto approccio al vuoto a rendere.
     
In collaborazione con:
 
 
 
 
 
 
DRINKSHOP
www.drinkshop.it
info@drinkshop.it
Privacy Policy