COME FUNZIONA

Il vuoto a rendere è un contenitore, solitamente in vetro, che, una volta vuoto, viene restituito al commerciante presso il quale lo si aveva acquistato, in cambio di un compenso. In questo modo il contenitore, una volta lavato e sterilizzato, può essere riutilizzato per altre 50 volte (ca.). Si tratta di una forma di riciclo.

 

 

UNA STORIA TUTTA ITALIANA

Negli anni sessanta non esistevano alternative al vetro.
Dal lattaio ai rivenditori di bibite, in salumeria o al bar, i contenitori del latte, dell'acqua minerale, delle bevande alcoliche e non alcoliche erano rigorosamente di vetro.

Grazie al vetro a rendere, il mondo non era ancora una pattumiera.
A quel tempo, l'acqua minerale la si comprava più in salumeria e in farmacia che dai rivenditori di bevande o al bar. Il suo consumo era legato alle proprietà terapeutiche della fonte da cui proveniva. Negli anni sessanta il consumo dell'acqua minerale non conosceva i numeri di oggi, e quindi sia per il grossista come per il rivenditore e il consumatore finale, la pratica del vetro a rendere cioè la riconsegna della bottiglia di vetro vuota, era un comportamento naturale. Tanto più che la restituzione del vetro corrispondeva alla restituzione del costo della confezione.

GLI ANNI ‘70 SCELGONO LA PLASTICA

Con gli anni Settanta, l'affacciarsi sul mercato degli imballi in plastica, in alluminio, in cartone e con l'avvento della cultura del consumismo e del costume dell'usa e getta, si assiste ad un cambiamento radicale: il vetro a perdere prende il sopravvento, la gente si abitua ad acquistare bevande contenute in contenitori alternativi al vetro.

L'imballo di vetro viene considerato alla pari di quello in plastica, in cartone o in alluminio e definito semplicemente, un vuoto a perdere.

Da qual momento il vetro si usa e si getta come un qualsiasi altro rifiuto. In questi anni la maggior parte dei produttori tendono ad abbandonare i contenitori di vetro a favore degli imballi alternativi molto più economici e più facili da lavorare e gestire, ma recenti studi hanno dimostrato che queste scelte, negli ultimi quarant'anni, hanno avuto un impatto devastante sull'ambiente ed effetti nocivi sulla salute.
   
Il sapore dell’acqua minerale e delle bevande è cambiato da quando hanno preso il sopravvento gli imballi alternativi al vetro. A questo proposito vi invitiamo a gustare una bevanda imbottigliata in vetro e la stessa conservata nel contenitore di plastica. Noterete una differenza quanto meno sorprendente. Oltre al gusto, sia le bevande che l’acqua minerale rischiano di diventare molto meno salutari.
     
In collaborazione con:
 
 
 
 
 
 
DRINKSHOP
www.drinkshop.it
info@drinkshop.it
Privacy Policy